Sempre più persone stanno adottando una scelta piuttosto innovativa quando si tratta di rinnovare e restaurare il proprio bagno optando per un materiale innovativo come il microcemento. Se questo stile di pavimentazione si sta diffondendo a macchia d’olio per le sue caratteristiche, il suo utilizzo in una zona così delicata della casa è ancor più tenuto in considerazione da chi si sta impegnando in una ristrutturazione.

Non si tratta di una scelta casuale, infatti il microcemento ha alcune caratteristiche che lo rendono molto pratico quando si tratta di una posa nel bagno:

pavimento in microcemento

Pavimento in Microcemento

  1. Si tratta di un tipo di pavimentazione estremamente idrorepellente. Scegliere in questo senso quindi, vuol dire avere garanzie piuttosto consistenti per quanto riguarda anche i servizi, eventuali docce o vasche da bagno.
  2. Con il pavimento in microcemento, si eliminano spaziature tra eventuali piastrelle, con una relativa facilità di pulizia.
  3. La posa del microcemento in bagno (così come nelle altre stanze della casa) è estremamente rapida in quanto non richiede la rimozione del pavimento già esistente. Con i suoi 3 millimetri di spessore, questo materiale è applicabile su qualunque tipo di superficie già esistente senza nessuna controindicazione. Naturalmente la posa è una pratica pulita e rapida, che rende il pavimento pienamente calpestabile in poche ore.
  4. I pavimenti realizzati con questa tecnica sono resistenti all’usura e agli urti.
  5. Gli effetti decorativi applicabili sono numerosi e possono accontentare pressoché qualunque tipo di gusto o desiderio di chi ha commissionato i lavori.

 

Naturalmente, per beneficiare di tutti i suddetti vantaggi, è assolutamente necessario ricorrere ad operai specializzati e con esperienza in questo campo: una posa non ottimale infatti, può andare a inficiare tutti i vantaggi solitamente ottenuti con tale materiale.

Proprio per questo motivo è meglio sempre stare attenti al costo della manodopera: siamo sicuri che risparmiare sia la scelta migliore? Avendo accennato al prezzo, è corretto anche andare a vedere quali potrebbero essere i teorici svantaggi dell’utilizzo di microcemento per la realizzazione del nostro bagno.

Esiste qualche controindicazione per chi decide di utilizzare il microcemento nel proprio bagno?

Nonostante non vi siano chiari svantaggi nell’utilizzo di questo materiale, va puntualizzato come non si tratti probabilmente della scelta più economica: sul mercato si possono trovare prodotti che, seppur di durata e garanzia inferiore, possono competere con il microcemento per quanto riguarda il prezzo.

Si tratta comunque di un risparmio piuttosto effimero: eventuali costi di manutenzione o addirittura di sostituzione andrebbero sul medio-lungo termine ad incidere in maniera davvero sostanziosa sul nostro conto bancario.

Pratico e personalizzabile… ma non per tutti i tipi di abitazione

Se questa tipologia di pavimentazione risulta generalmente molto pratica, va anche detto come spesso e volentieri non si possa utilizzare in tutte le tipologie di abitazione: quelle dal design più vintage infatti (con materiali come pietra e legno) risulterebbe un vero e proprio peccato utilizzare il microcemento per tutta la casa.

In questo caso, riservare questa pavimentazione alla toilette potrebbe essere un giusto punto d’incontro tra praticità e coerenza nello stile di arredamento…