Solitamente i pavimenti in resina sono considerati l’ideale per aree chiuse come capannoni, officine, negozi e abitazioni private. A dispetto di ciò qualcosa sta cambiando negli ultimi tempi, con l’introduzione sul mercato dei pavimenti in resina per esterni.

Grazie a raffinate tecniche infatti, è possibile usufruire delle numerose caratteristiche di queste superfici anche su terrazzi e aree esterne alle abitazioni, ma anche in ambiti industriali con aree di parcheggio e stoccaggio.

I pavimenti in resina per esterni sono una soluzione pratica sia per l’ambito domestico che per quello industriale

Seppur i contesti siano estremamente diversi i pavimenti in resina per esterni risultano altamente adattabili. I pregi di queste superfici che, ricordiamo non per forza devono essere orizzontali, si sposano infatti con le necessità di entrambe le situazioni:

  • facilità e rapidità di posa
  • alta resistenza all’usura, agli urti e alle aggressioni chimiche
  • facilità di pulizia grazie alla superficie uniforme
  • alto livello di personalizzazione (caratteristica importante per quanto riguarda l’ambito domestico)
  • impermeabilità

La lista appena elencata è piuttosto esaustiva: leggendola si può intuire come la resina abbia rapidamente soppiantato materiali per la pavimentazione più classici, ritagliandosi nel giro di pochi anni un ruolo da protagonista di questa branca dell’edilizia.

Per quanto riguarda pavimenti in resina a Roma e dintorni, puoi ottenere dei preventivi gratuiti e senza impegno su questa pagina.

Affidati ai professionisti del settore

Al di la del contesto in cui si posa la resina, va specificato come sia indispensabile affidarsi ad operai professionisti. Se la resina per esterni è infatti impermeabile, la benché minima falla può causare danni gravissimi alla superficie in quanto un’infiltrazione può rovinare tutta la pavimentazione.

Se per quanto riguarda gli interni si tratta di un particolare da non sottovalutare, è facile intuire come l’attenzione in questo senso deve essere massima quando si tratta superfici esterne. I pavimenti in resina per esterni sono infatti soggetti alla pioggia, a sbalzi climatici e talvolta anche a ghiaccio e neve: avere una superficie prima di qual si voglia falla risulta dunque essenziale per l’integrità della stessa.

Il fai da te in questo caso, è una pratica piuttosto pericolosa e, proprio per questo motivo, è meglio spendere subito qualche soldo in più ma evitare di dover reinstallare in seguito (e da zero) una nuova pavimentazione, con tutta la perdita di tempo (e soprattutto di denaro) conseguente.