Tra le varie resine utilizzate comunemente per la costruzione di superfici, la resina autolivellante è decisamente la più diffusa e apprezzata. Essa infatti trova impiego un po’ in tutti gli ambiti adattandosi impeccabilmente ad ogni contesto: magazzini di stoccaggio, parcheggi interni, negozi, garage, autofficine ma anche abitazioni private sono l’habitat naturale di questo prodotto.

Dai capannoni industriali del Sud America, dove l’utilizzo delle resine è nato, tale materiale si è ritagliato una posizione di tutto rispetto per quanto riguarda il mercato delle pavimentazioni industriali e domestiche.

Resina autolivellante in ambito industriale e commerciale: perché?

La resina nasce nell’ambito industriale grazie alle sue caratteristiche. Inutile dunque puntualizzare come questo materiale si trovi a proprio agio quando la posa avviene nei capannoni o nei magazzini: grazie alla resistenza all’usura, agli urti e alle aggressioni chimiche infatti, può facilmente adattarsi a contesti dove lo stress non è costituito dal semplice calpestio ma da fattori decisamente più “aggressivi”.

A proprio agio anche in casa…

Allo stesso tempo, la resina autolivellante riesce ad adattarsi alla perfezione all’ambiente di casa. Ai già citati pregi (che comunque sono utili anche nel contesto domestico), va aggiunta la facilità di posa e l’alto livello di personalizzazione: se dopo poco tempo dal lavoro la superficie e già calpestabile, va tenuto anche conto del fattore estetico.

Anche se la personalizzazione aumenta i costi, i pavimenti domestici possono essere modellati secondo i propri desideri utilizzando sia effetti cromatici che visivi, con lavorazioni particolari come lo spatolato o il nuvolato.

Per avere un pavimento in resina impeccabile a Roma e dintorni, dai un’occhiata a questa pagina.

Un fattore da non sottovalutare: la facilità di pulizia

Tornando sul discorso prettamente pratico, anche la facilità di pulizia può essere un asso nella manica di queste superfici: l’uniformità di un pavimento in resina autolivellante rende la pulizia estremamente facile e priva di ostacoli, l’assenza di spazi  (tipici dei pavimenti a mattonelle) non consente allo sporco e agli insetti di trovare rifugio nella superficie.

Una superficie universale, capace di fare contenti tutti

Di fatto, i pavimenti in resina autolivellante sono adatti ad ogni contesto: se da un lato risultano pratici, dall’altro risultano anche altamente personalizzabili e quindi potenzialmente piacevoli per qualunque tipo di cliente, sia esso un abitante di un appartamento o il proprietario di un capannone. A meno di ambiti estremamente particolari (dove altri tipi di resina possono forse rendere maggiormente), scegliere questo tipo di superficie risulta comunque una scelta azzeccatissima.